Scienziato americano ha trovato il “gene di Dio” nelle persone

Il gene di Dio

Uno scienziato americano nel 2004 ha scoperto il gene umano responsabile della spiritualità e della fede in Dio, scrive il Sunday Telegraph. Dopo aver esaminato 2.000 campioni di DNA, il capo del laboratorio di biochimica Dean Hamer del National Cancer Institute degli Stati Uniti è giunto alla conclusione che il gene VMAT2, chiamato anche il gene di Dio, è responsabile della capacità di credere nella presenza divina.

Dopo aver intervistato 226 persone, lo scienziato è giunto alla conclusione che la mutazione di VMAT2 porta al fatto che la persona perde completamente la capacità di credenza religiosa. Allo stesso tempo, Hamer ritiene che VMAT2 potrebbe non essere l’unico gene responsabile di questo.

Lo scienziato, che nel 1993 dichiarò di aver scoperto il gene responsabile dell’orientamento sessuale di una persona, crede che l’esistenza del “gene di Dio” spieghi le capacità uniche che distinguevano Buddha, Gesù Cristo e Maometto. “Avevano tutti VMAT2 e potevano guidare le persone sulla base di una credenza religiosa comune”, osserva Hamer. Secondo lui, la capacità di credere è parte integrante del ritratto genetico di una persona. “Non viene trasmesso rigorosamente da genitore a figlio, ma il gene può scomparire per molte generazioni per poi riapparire”, afferma Hamer.

Cosa ne pensa la Chiesa riguardo il “gene di Dio”

I circoli religiosi si sono dichiarati estremamente scontenti delle dichiarazioni di Hamer. Il reverendo John Polkinghorne della British Royal Society of Theology ha fatto notare, tra l’altro, che “l’idea del “gene di Dio” confuta uno dei principi più importanti della religione, che afferma che l’illuminazione spirituale si ottiene attraverso la divina presenza e non attraverso impulsi cerebrali”. Un altro teologo britannico, il reverendo Walter Houston, crede che sia impossibile spiegare l’esistenza della fede con un gene. “La fede non è collegata alla fisiologia umana, ma al mondo circostante, alla società, alle tradizioni”, ha sottolineato.

Hamer, a sua volta, sostiene che la sua scoperta non contradice in alcun modo i dogmi religiosi. Al contrario, secondo lui, i chierici possono indicare VMAT2 come un altro segno del potere e dell’ingegnosità del Creatore.

Cosa dice la scienza

Vediamo perché gli scienziati dicono che il gene di Dio è responsabile della predisposizione di una persona alle esperienze spirituali, mistiche e religiose e alla fede in Dio. L’ipotesi si basa su ricerche genetiche, neurobiologiche e psicologiche. Durante gli studi gli scienziati hanno riscontrato le differenze nel codice genetico nei “più credenti” e nei “meno credenti”. Studiosi hanno trovato una sostanza chiamata citosina in “più credenti”. In “meno credenti” invece hanno trovato adenina.

Dunque, secondo l’ipotesi, il gene di Dio è una struttura neurofisiologica responsabile del senso soggettivo della presenza di Dio e delle esperienze spirituali e mistiche associate. Questa ipotesi si basa sull’idea che i neurotrasmettitori, principalmente dopamina e serotonina, svolgono un ruolo chiave nella neurochimica delle esperienze spirituali.

I credenti hanno livelli elevati di dopamina, serotonina e noradrenalina. Livelli elevati di questi mediatori in alcune aree del cervello sono le basi neurologiche delle esperienze religiose e mistiche.

Secondo Hamer, il gene di Dio offre vantaggi nella selezione naturale. Questo perché i credenti sono dotati di un certo “ottimismo innato“, che contribuisce ulteriormente agli effetti positivi a livello fisico e psicologico.

Leggi anche:

“Affermazioni positive”

“Autostima e auto sabotaggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *